Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘italia’

Pisa - New Year's Celebration on March, 25.

Pisa – New Year’s Celebration on March, 25.

by Help Traduzioni’s Editorial Staff

As you know, we are based in Pisa, and today -at noon- we celebrate the first day of 2014.
It’s a very ancient tradition started as far back as the Eighteenth Century.
If you’re interested in it, I’ve found a blog with some info about the origins of this celebration.
It’s magic to live in a town that celebrate the new year twice!
So, a Happy New Year to you all, wherever you are 🙂

Annunci

Read Full Post »

scrittori-precari

di Daniela Corrado

Senza Scrittori è un documentario andato in onda su Rai.tv che affronta il tema della narrativa oggi e, in modo particolare, dei rapporti tra scrittori, editor e case editrici.

Attraverso l’analisi del sistema e del mondo dell’editoria odierna, della distribuzione, delle librerie, ecc. questo documentario vuole lanciare una provocazione forte e spingerci a riflettere su alcune questioni impellenti: che cos’è “letteratura”, e che cos’è “letterarietà” oggi? Fino a che punto i libri che scalano le classifiche e che si vendono nelle librerie rappresentano il mondo degli scrittori italiani?

Il sistema editoriale è, purtroppo, intriso di cinismo. Ciò è dovuto al fatto che i libri che “non si vendono” e che non hanno mercato non sono buoni libri. Quindi il compito della casa editrice è vendere o proporre cultura? Lascio a voi la risposta…

La regia del documentario è di Andrea Cortellessa e Luca Archibugi, qui sotto il link per vederlo:

Senza scrittori: un documentario sull’editoria italiana di Rai.tv

Read Full Post »

di Daniela Corrado

Lavorare con le lingue straniere non è sempre facile, specialmente in un momento come questo in cui la crisi economica coinvolge anche i mercati globali e i laureati provenienti da facoltà umanistiche registrano il tasso più alto di disoccupazione. Eppure, si può sempre imparare da chi ce l’ha fatta usando un pizzico di creatività. Il segreto è credere fortemente in ciò che si fa, altrimenti meglio cambiare strada. Con tutte le “rogne” che il mestiere del traduttore comporta (non mi metto ad elencarle sennò si fa notte!) la tenacia e la volontà di farcela, di penetrare il significato profondo di un testo, sono caratteristiche essenziali per riuscire a portare avanti la professione che si è scelto di intraprendere. Perciò proponiamo questa intervista all’imprenditrice Sylvia Garro Sànchez che ha progettato il sito cipensoio.es, un blog bilingue italo-spagnolo per favorire i rapporti culturali e commerciali tra Pisa e San Cristobal de la Laguna di Tenerife, e Jus’To Love, un locale dove gustare piatti vegetariani nel pieno rispetto della natura. Entrambi i progetti sono ancora in fase di realizzazione e sotto il vaglio di approvazione della Regione Toscana. In bocca al lupo, Sylvia! Siamo tutti con te.

Intervista:

Sylvia, potresti dirci da dove vieni? Vengo da un lungo cammino che dal Peru mi ha portato fino in Spagna, Germania e Svizzera. Ho abitato a Tenerife e da lì poi ho deciso di ritornare al continente scegliendo l’Italia.

Da dove è nata l’idea di stabilirti in Italia? Da quando ho visitato l’Italia, 18 anni fa. Feci un lungo giro in auto con mia sorella dal nord fino a Roma. Mi colpì molto la simpatia, la storia, la cultura, il cibo e la musica…alcune cose in realtà le conoscevo anche prima di arrivare in Italia.

Come mai hai deciso di aprire un blog come Cipensoio.es? Dal desiderio di dare vita ad un’idea imprenditoriale diversa. Comunicare è lo scopo finale. Mi sembra che oggi il problema delle persone sia quello di non riuscire a comunicare fra loro, e io per esperienza di lavoro sono stata sempre abituata a parlare e relazionarmi con gente di tutto il mondo ed in situazione varie, per telefono oppure personalmente.

Quanti e quali problemi ti ha creato e ti crea negli affari il fatto di non essere madrelingua italiana? Devo stare attentissima ai giochi di parole. Non sempre quello che dici in spagnolo ha un equivalente in italiano e viceversa. Anche l’intonazione della voce conta e può causare dei fraintendimenti…Alla fine, però, è solo parlando che si può imparare, e anche se si fanno degli errori, tutto serve a migliorare la comunicazione.

Com’è impostato il tuo rapporto con enti, collaboratori e stakeholders alla luce delle differenze linguistiche? Credo che mi ascoltino e che restino incuriositi dal fatto che una straniera si senta attratta dalla storia e dalla cultura italiana, e forse anche un po’ lusingati. Credo che sia importante essere sempre sinceri in quello che si dice e sente, anche negli affari.

Da dove nasce l’idea di Jus’to Love? È la sintesi di anni di vita vegetariana. Mi chiedono sempre come mai non mangio la carne, ma in genere ho deciso di non mangiare qualsiasi cosa che debba morire per far sì che viva io… Certamente ha ragione anche chi dice che allora anche le piante soffrono e che però quelle le mangio, ma il livello energetico è diverso. È una filosofia di vita…

Come pensi di conciliare l’attività del blog con quella di Jus’To Love? L’idea è quella di sviluppare il blog all’interno del bar vegetariano… vedremo se si riuscirà a farlo così come l’ho progettato, ma nel frattempo sono partita con la redazione del blog Ci penso io! Che al momento sta assorbendo tutta la mia attenzione.

Cosa consiglieresti ai giovani ragazzi di oggi che hanno studiato le lingue straniere ma dopo la laurea si sentono spaesati? Consiglio di viaggiare e visitare altri paesi. Le esperienze contano tanto e restano sempre, inoltre ti danno un’aria diversa di sicurezza e maturità. In questi tempi difficili per tutti, fare volontariato potrebbe essere un altro modo per dare una mano e al stesso tempo imparare cose nuove. La possibilità di usufruire del programma Erasmus per viaggiare è un’altra alternativa valida che ti mette in contatto con altre culture, perlomeno all’interno della Comunità Europea. Meglio ancora se si decide di studiare le lingue perché ti piacciono. Devi amarle fino in fondo però. Se non ami quello che stai facendo è meglio lasciar perdere perché vuol dire che forse hai sbagliato cammino. In quel caso meglio avere il coraggio di ricominciare da capo!

Read Full Post »

bookcrossing-bar-traduzioni

di Daniela Corrado

—————————————————————————————————————————————————–

Appuntamento: lunedì 11 giugno, ore 14.00.

Dove: Google Hangouts, canale YouTube di EST, oppure profilo Google+ di EST.

Cosa: caffè virtuale e chat fra traduttori aspiranti e professionisti.

Quali argomenti: il futuro della traduzione, la formazione per traduttori, la collaborazione fra EST (European School of Translation) e STL (Studio di Traduzioni Legali – Formazione per traduttori e interpreti), i corsi in programma per l’autunno (La Palestra del Traduttore, ecc.)…

Chi: Andrea Spila (EST), Sabrina Tursi (STL), traduttori e aspiranti tali.

Perché: perché no?

—————————————————————————————————————————————————–

Se è vero che l’unione fa la forza, creare una rete di traduttori è davvero essenziale.

La crisi non passa, i traduttori automatici ci angosciano, i cambiamenti si susseguono vorticosamente e i periodi di stasi ci spiazzano? Niente di grave. E’ la vita normale del traduttore. 😉

Parlarne, si sa, fa bene e aiuta a chiarirsi le idee!

Molto spesso noi traduttori siamo esseri solitari. Viviamo a contatto diretto con le parole, e siamo abituati a confrontarci con tipologie testuali così eterogenee da rasentare la nevrosi (la nostra ovviamente! ;)), ma cosa c’è di più formativo, informativo e rassicurante del contatto umano?

Quante volte avreste voluto avere di fronte a voi l’autore di un testo che avete tradotto? Forse per accopparlo (chissà!), ma probabilmente vi sareste accontentati anche di potergli chiedere cosa  gli passava per la testa quando ha scritto quello che ha scritto; e che a noi è toccato, ahimé, interpretare!

Un caffè virtuale è molto meno di tutto questo, ma certamente aiuta il confronto con chi ogni giorno condivide il mio stato d’animo, il mio lavoro e il mio modo di essere! 😉

La partecipazione è free.

PS. Precisazione su Google Hangouts: GH è una sorta di videochat dove più utenti possono interagire contemporaneamente. Per chi non avesse un account Google sarà possibile partecipare, come ho già scritto sopra, utilizzando You Tube.

Ovviamente io ci saròòòòòòòòòòòò.

A lunedì. 😉

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: